Tavola rotonda – Conservazione del paesaggio e gestione sostenibile del bosco: opportunità o limite?

Referenti: Alessandro Crosetti (Università di Torino), Nicoletta Ferrucci (Università di Padova), Federico Roggero (Università di Teramo), Raul Maria Romano (CREA)

Il paesaggio “designa una determinata parte di territorio, così come è percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall’azione di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni”(art.1 Convenzione europea del Paesaggio, 19 luglio del 2000) ed è quindi, “espressione dei valori storici, culturali, naturali, morfologici ed estetici del territorio” (art.2, Codice Urbani), che “costituiscono rappresentazione materiale e visibile dell’identità nazionale, in quanto espressione di valori culturali” (art.131, Codice Urbani). Il patrimonio forestale è parte integrante del capitale naturale del Paese ed espressione dinamica di secolari processi bio-culturali. Oggi l’abbandono colturale del territorio rurale, la riconquista del bosco degli spazi agricoli e pastorali abbandonati, compromettono l’azione di conservazione e tutela del patrimonio paesaggistico del paese. La sessione vuole affrontare, dal punto di vista normativo, il tema della gestione forestale, quale strumento fondamentale nella conservazione e nel mantenimento degli aspetti significativi, e caratteristici, del paesaggio italiano.